Print Friendly, PDF & Email

Nardelli Giuseppe-Uff stampa

“…Diverse le iniziative previste ed i temi che verranno affrontati: dalle giovani generazioni, con un’azione di supporto all’orientamento professionale per i ragazzi delle scuole superiori, alla valorizzazione della città storica; all’aiuto concreto per una miglior vivibilità degli spazi ospedalieri per i bambini degenti dell’ospedale di Branca, il tutto con un enfasi particolare alla comunicazione ed informazione alla città”.

 

Scopo del Rotary è incoraggiare e sviluppare relazioni amichevoli tra i propri soci, per renderli meglio atti a “servire” l’interesse generale. Informare ai principi della più alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni, riconoscere, la dignità di ogni occupazione utile a fare sì che essa venga esercitata nella maniera più degna quale mezzo per “servire” la società. Orientare l’attività privata, professionale e pubblica dei singoli al concetto  del “servizio”. Propagare la comprensione, la buona volontà e la pace tra nazione e nazione mediante il diffondersi nel mondo di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di “servire”. Il Rotary fondato a Chicago nel 1905 da Paul P. Harris per l’anno rotariano 2012-2013 è presieduto a livello internazionale dal giapponese Sakuji Tanaka secondo il motto: “”La pace attraverso il servizio”. Dice lo stesso Tanaka: “Il Rotary ci
sostiene nell’edificare la pace nel suo senso più tradizionale, riducendo le cause dei conflitti. Getta i ponti di amicizia e tolleranza tra popoli e nazioni. Ci aiuta a comprenderci l’un l’altro”.

Tra i progetti più ambiziosi, famosi e meritevoli a livello internazionale, operati dal Rotary va indubbiamente ricordato il Progetto Polio Plus grazie al quale, attraverso una mastodontica campagna di vaccinazione mondiale, il Rotary è riuscito ad eradicare e a fare scomparire completamente la poliomielite in tutto il globo. Ad oggi, questo antico, ma mai sopito progetto può dirsi concluso per il 99%. Il Rotary International, il cui segretariato generale è affidato a John Hewko si esprime anche attraverso una propria fondazione, la Rotary Foundation che è“un’associazione senza fini di lucro la cui missione consiste nell’aiutare i Rotariani a
promuovere la comprensione, la buona volontà e la pace nel mondo attraverso il
miglioramento della salute, il sostegno all’istruzione e l’alleviamento della povertà”.
Il Rotary di Gubbio, nel rispetto delle linee mondiali e seguendo le direttive del proprio Distretto di appartenenza (il 2090°, gestito dall’attuale Governatore distrettuale in carica Dr. Mauro Bignami) intraprende e sostiene la azione internazionale oltre che una articolata azione comprensoriale.
Il Club eugubino venerdì 29 giugno alle ore 20:00 esatte si è riunito presso la propria sede istituzionale del Park Hotel ai Cappuccini celebrando il passaggio delle consegne per l’anno rotariano 2012-2013. La splendida e tradizionale cornice del Park Hotel ha visto infatti realizzarsi il così detto “Passaggio della campana e del martelletto” tra la Past President Lisa R. Minelli e il neo Presidente per l’anno 2012-2013 Architetto Dr. Massimo Bastiani. Alla cerimonia hanno preso parte oltre 90 ospiti ed una foltissima schiera di rappresentanti istituzionali civili e militari tra cui per citarne alcuni: il Sindaco Dr. Diego Guerrini, il Presidente della Provincia Dr. Guasticchi, il Consigliere regionale Andrea Smacchi, l’Assessore alle opere pubbliche del Comune di Gubbio Raffaello Di Benedetto, il Presidente emerito di Sezione della Corte Suprema di Cassazione Dr. Matteini Chiari, il Comandante dei carabinieri Capitano Dr. Iannicca, il Comandante della tenenza di Gubbio della Guardia di Finanza Arcangelo Paris, il Comandante
dei Vigili del  Fuoco di Gubbio Sauro Monacelli, il Comandante del Corpo Forestale Luigino Grelli ed il Soprintendente al Corpo Forestale Ubaldo Morganti. Nell’ambito della serata sono state ricordate le fasi salienti del trascorso anno rotariano attraverso la relazione della Past President Lisa Minelli che ha rendicontato il suo mandato e ne ha riassunto la sua impostazione interamente indirizzata al “vicino sociale” impostando l’azione di Club ad un “servizio rotariano in stile americano”. Poi è stata la volta del neo Presidente eletto che ha rapidamente  presentato il discorso programmatico illustrando i principali temi che saranno oggetto dell’azione del Rotary e del Club per l’anno a venire. Particolare rilevanza avrà la celebrazione del Cinquantesimo
anno di vita del Club, che darà l’occasione per ripercorrere la storia ed il service del club assieme agli eventi ed ai personaggi che hanno caratterizzato  la vita della città in questi anni. Per il presidente Bastiani “diverse le iniziative previste ed i temi che verranno affrontati: dalle giovani generazioni, con un’azione di supporto all’orientamento professionale per i ragazzi delle scuole superiori, alla valorizzazione della città storica; all’aiuto concreto per una miglior vivibilità degli spazi ospedalieri per i bambini degenti dell’ospedale di Branca, il tutto con un enfasi particolare alla comunicazione ed informazione alla città”.   Toccante ed altissima è poi stata la lettura del discorso del Presidente Internazionale del Rotary Sakuji Tanaka da parte di uno dei migliori e più noti doppiatori italiani: Luca Violini.  Non sono infine mancati i momenti interni della vita del Club come: la consegna dei riconoscimenti ufficiali al vecchio Consiglio e all’Ufficio stampa di Club per il lavoro svolto attraverso i “diplomi di merito” conferiti dalla Past President Lisa Minelli e l’annuncio ufficiale e partecipazione al Club e suoi ospiti delle imminenti
nozze del Socio Dr. Giuseppe Nardelli con la futura signora N.D. Dr.ssa Francesca Romana Castiglione.   Il passaggio delle consegne rotariano si è riconfermato quindi come un momento importante per la vita del Club e soprattutto come una occasione per  presentare alla cittadinanza con ufficialità, tutti i propri valori e il propri impegni per il futuro.

Giuseppe Marino Nardelli