Print Friendly, PDF & Email

 

 

 Mostra fotografica, incontri socio-culturali e raccolta fondi per l’ospedale in

onore dell’amato S.Ubaldo a Turalej nel Sud Sudan.
Questi gli eventi più importanti che hanno caratterizzato il 50° anniversario del
Rotary Club Gubbio.
La MOSTRA FOTOGRAFICA, visitabile fino al 4 maggio presso la Galleria della
Porta è stata inaugurata alla presenza del sindaco Diego Guerrini, del
Governatore del Distretto Rotary 2090 Mauro Bignami, del presidente Rotary
Gubbio Massimo Bastiani , oltre che ai soci rotary eugubini e provenienti da
tutto il distretto. Tale rassegna riproduce fotografie, documenti, riconoscimenti,
pubblicazioni, video che intendono ricordare attività , impegno, presenza sul
territorio del club dal 1963.
Da ricordare l’organizzazione di prestigiosi convegni, mostre, viaggi, concerti,
pubblicazioni e molto altro ancora che da Alfonso Giordano fino all’attuale
presidente, sono state realizzate con il sostegno ed il coinvolgimento di tutti i
soci .
Tre sono stati gli INCONTRI SOCIO-CULTURALI che si sono susseguiti in
questi mesi svoltosi presso l’ex Refettorio della Biblioteca Sperelliana e che
hanno voluto raccontare la città ed il club negli anni 60/70, 80/90, 2000 fino ad
oggi, attraverso alcuni protagonisti della storia locale con lo sguardo rivolto
verso il futuro.
La serata conclusiva delle celebrazioni del cinquantenario si è tenuta presso il
Parck hotel ai Cappuccini, con il patrocinio del Comune di Gubbio, l’Università
dei Muratori ed il sostegno delle famiglie dei ceraioli: una serata di gala molto
articolata ma frizzante.
Epilogo con riconoscimenti ai rotariani, premiati con “campana dell’amicizia”
forgiata per l’occasione ad Agnone, sottolineano le motivazioni, ancora valide,
per cui è stato possibile fondare un club Rotary anche a Gubbio nel 1963” per
l’amabile ambiente e le eccezionali doti di affidabilità e ospitalità che animano
gli amici eugubini”, sottolineava così il padrino Renato Tomasucci, allora
presidente del Club di Città di Castello, al Rotary International.