Print Friendly, PDF & Email

Gubbio, presentato “Trittico Barocco” , dal 6 all’8 gennaio al teatro Ronconi in scena il grande balletto con l’etoile Giuseppe Picone

 Tre serate in cui a Gubbio, al teatro Ronconi, sarà protagonista il grande balletto. Si chiama “Trittico Barocco “, una produzione promossa e finanziata dall’Associazione “Cantus Pianus” fondata dall’imprenditore romano Fabrizio di Fiore e portata a Gubbio grazie al lavoro congiunto del Comune, del Rotary Club locale, delle quattro scuole di danza presenti in città – Ikuvium ballet, Città di Gubbio, Umbria Ballet e Danz’art – su coordinamento di Massimo Cappannelli. La presentazione a Palazzo Pretorio con il sindaco Filippo Stirati che ha ringraziato gli organizzatori per aver portato in città un evento degno di realtà metropolitane, capace di rilanciare il format “Gubbio città della cultura “che questa amministrazione comunale si è dato

Le serate prenderanno il via venerdì 6 gennaio alle ore 21 al teatro Ronconi – prezzo standard d’ingresso 15 euro – e vedranno salire sul palcoscenico, per la regia di Kristian Cellini, l’etoile Giuseppe Picone, attuale direttore del corpo di ballo del teatro “San Carlo” di Napoli, insieme alla solista dello stesso “San Carlo” Candida Sorrentino. Accanto al loro balletto, spazio a un’esibizione delle allieve delle quattro scuole di danza della città, per ciascuna delle quali è prevista una borsa di studio presso il “Centro di danza Balletto di Roma” che andrà alla miglior corsista di ogni scuola. Madrina della prima serata la ballerina Rossella Brescia. Si replica alle ore 21 sabato 7 gennaio, con la presenza di sala della grande Carla Fracci, mentre domenica 8 gennaio l’appuntamento è alle ore 17.30 e la madrina sarà Matilde Brandi. Per il coordinatore dell’evento, Massimo Cappannelli, un appuntamento di spessore nazionale da non perdere, capace anche di riaccendere i riflettori sulla città di Gubbio fortemente penelizzata, sotto il profilo turistico, dagli eventi sismici della Valnerina.

 

Viva la soddisfazione per l’opportunità data alle giovani ballerine eugubine è stata espressa da Carla Menichetti in rappresentanza di tutte le scuole di Gubbio, mentre la presidente del Rotary Club Paola Fiorucci ha ricordato il ruolo logistico svolto dal club nella gestione dell’accoglienza , nell’ottica di regalare alla città un evento di primo piano.