Print Friendly, PDF & Email

Era l’ultima tappa e si è trasformata in un gioioso incontro ricco di spunti e di potenziali ulteriori sviluppi futuri. Si è concluso alla sala ex refettorio della Biblioteca Sperelliana il progetto “Cittadini in erba” promosso dal ‘Rotary club Gubbio’ presieduto da Paola Fiorucci, che segue come ideale prosecuzione quelli ideati nei mesi scorsi denominati “Angels city” e “Giovani Ciceroni”.

Tutte le attività sono rivolte alle nuove generazioni: quest’ultimo progetto in particolare ai ragazzi di due classi prime e due classi seconde delle scuole medie che sono stati seguiti direttamente da Nicoletta Bambagioni, socia del Rotary Club Gubbio. Il progetto ha voluto porre in primo piano la parola “rispetto”: degli altri ma prima ancora di se stessi, perché come diceva Cicerone “non siamo nati soltanto per noi”. Da qui l’importanza di sensibilizzare gli studenti della città sulla valenza dell’educazione alla convivenza civile, riscoprendo il concetto di comunità. Un’esigenza ancor più impellente alla luce di episodi di cronaca molto preoccupanti registrati lo scorso anno, proprio di questi tempi.

Per fare questo serve superare l’individualismo e sviluppare l’interesse nei confronti del bene comune: presupposto del progetto “Cittadini in erba” che ha visto la felice sinergia di associazionismo, istituzione scolastica e comunale

E proprio questo risultato ha voluto mettere nel mirino il Rotary club Gubbio dopo il successo con i progetti “Angels City” e “Giovani Ciceroni”. Rispetto delle regole, presa coscienza dei diritti e doveri di ognuno, fiducia nel migliorare la vita della collettività. I ragazzi seguiti direttamente dal Rotary si sono incontrati anche oggi con la docente Francesca Maiotti mentre alcune settimane fa era stata la volta, oltre che della stessa Maiotti, anche del magistrato Paolo Micheli, veri e propri esperti in materia, e a conclusione di questo percorso ogni classe ha realizzato un manifesto con relativo slogan e grafica personalizzata che verrà affisso in città.

Interessante anche la prospettiva futura che si apre dopo questa esperienza rotariana, quella di un percorso non solo sociale e partecipativo ma anche imprenditoriale, come evidenziato da Giusy Vita e dalla testimonianza di Giulia Ferri

Intanto per un ciclo di iniziative che si chiude, se ne apre uno nuovo sempre sotto l’egida del Rotary club Gubbio: Tante proposte per rendere la città più bella e rinforzare i concetti di senso civico, appartenenza e rispetto delle regole. Al via la Terza edizione del progetto a “Angels City” con 15 “Borse lavoro” per offrire ai giovani, con età compresa tra 17 e 20 anni, l’opportunità di sperimentare attività di cura e valorizzazione del contesto urbano e storico, anche grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale Assessorato alle Politiche giovanili. Per ogni borsa è previsto il compenso di 150 euro a fronte di 3 ore lavorative al giorno per due settimane a partire dal 3 luglio. Tra i requisiti essere residenti nel Comune di Gubbio, avere un’età compresa tra i 17 anni compiuti alla data del 31/05/2017 e 20 anni da compiere entro il 31/12/2017, non aver riportato condanne penali per reati e/o delitti non colposi. I giovani saranno selezionati attraverso un colloquio motivazionale da una Commissione appositamente individuata, data da stabilirsi ma presuntivamente individuata nei giorni 26/ 27 giugno 2017. A partire dal 3 luglio saranno organizzate delle “squadre” e definito un orario di servizio giornaliero, per un totale di 30 ore per due settimane. Ciascuna “squadra” sarà impegnata in attività di cura, manutenzione e valorizzazione di un luogo predefinito della città e sarà coordinata e guidata da un Tutor esperto. Si va dal carteggio di manufatti in legno, tinteggiatura, pulizia e raccolta materiali, al ripristino aiuole, fino al taglio erba, ecc. La domanda dovrà essere spedita entro il 20 giugno prossimo.