Celebrati i 10 anni dell’ospedale comprensoriale di Gubbio-Gualdo: cerimonia con gli Sbandieratori di Gubbio e il corteo storico di Gualdo Tadino. Stasera servizio nel tg delle 19.30 e 20.20
Sono state le coreografie degli sbandieratori di Gubbio affiancati dai figuranti dei Giochi de le Porte di Gualdo Tadino a introdurre sabato pomeriggio la cerimonia di festeggiamento del decimo compleanno dell’ospedale comprensoriale di Branca: era il marzo 2008 quando il complesso ospedaliero venne inaugurato e a distanza di due lustri tutti i protagonisti, politici e manageriali che si sono succeduti nel frattempo, hanno partecipato ad un momento celebrativo che è stato anche occasione di bilancio. Una festa e nel contempo un modo per sottolineare il lungo percorso passato attraverso l’integrazione dei due territori, Eugubino e Gualdese, e lo sviluppo delle professionalità e tecnologie tradotte dai rispettivi nosocomi cittadini.

All’iniziativa di sabato erano presenti i direttori generali Usl, dall’attuale Andrea Casciari a ritroso con Vincenzo Panella che l’ha inaugurato ed Emilio Duca. Hanno portato il saluto per le rispettive municipalità Rita Cecchetti, vicesindaco di Gubbio per l’assenza di Stirati impegnato a Bergamo al vertice Ancsa, e il sindaco gualdese Presciutti che hanno rimarcato l’elemento strategico di un’operazione, voluta dai sindaci di inizio millennio, Ubaldo Corazzi e Rolando Pinacoli. Un’operazione che – è stato detto – ha permesso all’Alto Chiascio di dotarsi di una struttura unica. Teresa Tedesco, direttore del presidio, ha rimarcato il gioco di squadra con i risultati e le nuove sfide, come le sinergie coi medici di base per gestire i malati cronici. Apprezzati e ricordati i contributi dei privati, come la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia (per la quale ha parlato il presidente onorario Carlo Colaiacovo) e le tante associazioni di volontari sparse sull’intero territorio comprensoriale per le quali ha preso la parola Carlo Crocetti dell’Anaca di Gualdo.

Tratto dalla redazione di TRG MEDIA

Il Rotary Club Gubbio, ha donato al reparto Dialisi 4 moduli libreria, corredati da alcuni testi proveniente dall’archivio del Club stesso.