Print Friendly, PDF & Email

Carissimi Tutti,

Oggi ricorreva l’eccidio di Nassiriya.

Il nostro Club si è prodigato negli anni passati a sistemare ed arricchire un angolo semi abbandonato di Gubbio e metterlo a disposizione della comunità, dedicandolo proprio ai caduti di quell’efferato eccidio.

L’amministrazione comunale e la comunità intera, a più riprese, hanno elogiato il Rotary Club di Gubbio per il suo intervento e la costanza nel celebrare la ricorrenza.

Era divenuta ormai una mesta ma significativa consuetudine l’essere presenti con una rappresentanza del club insieme alle autorità militari, civili e religiose.

Quest’anno le circostanze ben note a tutti ci hanno imposto di agire con la massima prudenza, evitando qualsiasi situazione di assembramento, in rispetto della normativa che ci vede, ahinoi, in zona arancione.

Qualsiasi manifestazione in persona, anche in spazi aperti, per ricorrenze civili o religiose (messa per i rotariani defunti, ad esempio) in questo straordinario periodo è non solo da irresponsabili, come minimo, ma metterebbe a repentaglio la sicurezza del pubblico e dei nostri soci, nonostante le possibili misure di distanziamento. Nei valori etici rotariani troviamo al primo posto il rispetto di tutti in qualunque forma.

Come Presidente mi assumo la responsabilità di questa scelta perché’ ritengo che la salute e la sicurezza della nostra comunità, quindi anche di noi rotariani, abbia la priorità assoluta. Questo ricade nelle decisioni da prendere nel ruolo di chi sta al timone in un mare particolarmente agitato in navigazione sotto costa, vicini agli scogli…

Nonostante le sollecitazioni pervenutemi dai miei più stretti collaboratori, nelle persone del segretario Lucia Bellucci e del Prefetto Massimo Angeli, ho deciso di limitare la celebrazione, pur mantenendone il significato e di comunicare in un modo sobrio la partecipazione del nostro club con una lettera inviata al Comandante della stazione dei Carabinieri di Gubbio.

Certo vorrete unirvi a me nella condivisione di queste misure di prudenza, vi rinnovo l’invito alla partecipazione all’assemblea di Sabato 14, dove avremo modo di rivederci e parlare dei nostri programmi futuri.

Vi saluto con affetto,

Gioacchino